Via Vittorio Emanuele,107 - Bordighera (IM)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

P.I.: 01354050088

eventi 250

PROMOZIONI

REPARTI

servizi

Nuovo servizio

Paga anche così

 

 

  
 

Il passaggio stagionale tra l"estate e l"autunno è sicuramente quello più accusato dalla pelle che, dopo l"esposizione al sole, si trova impoverita, disidratata e inspessita.

L"autunno con le sue atmosfere suggestive può essere meraviglioso, però rappresenta un periodo molto difficile per la pelle, che necessita quindi di una cura particolare.

Tutto ciò è dovuto ad alcuni fattori specifici:
l"aria è più secca, sia all"aperto che negli ambienti chiusi, e per questo la pelle
perde idratazione;
il continuo passaggio da ambienti freddi ad ambienti riscaldati provoca nei vasi
sanguigni un fenomeno di vasodilatazione e vasocostrizione che stressa il microcircolo e induce alla couperose
col freddo il metabolismo della pelle rallenta e diminuisce la produzione di sebo,
ciò riduce lo spessore della sua barriera naturale.

Queste condizioni influiscono maggiormente sulla pelle del viso e delle mani, che non possono essere riparate dal freddo come le altre zone del corpo e impongono un aggiornamento delle strategie di difesa e dei trattamenti cosmetici.

I primi accorgimenti che possiamo avere riguardano gli ambienti in cui viviamo. Umidificare la casa riempiendo recipienti di acqua e distribuirli nelle stanze riduce la secchezza dell"aria, favorendo così la funzionalità cutanea. Aggiungere gocce di oli essenziali, balsamiche o rilassanti, regalano piacevolezza ad gesto importante; non bisogna, infine, dimenticare di lavare i contenitori regolarmente onde evitare lo sviluppo di batteri e muffe.
Se vogliamo migliorare ulteriormente le nostre abitazioni con le piante d"appartamento, oltre a decorare, godiamo anche della loro funzione di umidificare l"aria e di purificarla.

 Per quanto riguarda l"alimentazione anche con l"arrivo del freddo è bene assumere molti liquidi: acqua, tè o tisane in modo da supportare dall"interno il lavoro di idratazione che andiamo a eseguire sulla superficie della nostra pelle. E sempre per lo stesso concetto, sia per la salute della pelle che per quella del fisico in generale, si dimostra ottimale l"integrazione con vitamina C dalle proprietà antiossidanti e con vitamine del gruppo B che consentono di trattenere l"umidità.

Nel momento in cui ci rivolgiamo al trattamento diretto sulla cute si devono distinguere due ritualità fondamentali: la detersione e il trattamento specifico.

Per detergere la pelle quando fa freddo è importante scegliere prodotti dermoaffini, cioè che abbiano caratteristiche simili alla pelle e la detergano delicatamente senza alterare il suo fattore naturale di idratazione (NMF). Soprattutto nel caso di pelli sensibili, fragili o reattive bisogna prestare attenzione anche alla temperatura dell"acqua che non deve essere mai troppo calda, per non favorire la vasodilatazione e ulteriore stress al microcircolo.

Analizzando il trattamento specifico, si possono evidenziare ancora due aspetti molto importanti: la prevenzione e la cura.
Per prevenire i danni del freddo dobbiamo aumentare le protezioni scegliendo una crema che tra i suoi attivi abbia antiossidanti, vitamina E e bioflavonoidi, e che abbia una texture ricca (riconducibile alla presenza di olio di argan, burro di karitè, olio di mandorle) cosicché si crei anche uno "scudo" isolante.
Una maggiore protezione sarà anche fornita dal trucco che in inverno diventa fondamentale per molti tipi di pelle in quanto il fondotinta funge da ulteriore barriera schermante.

Se il nostro obiettivo è quello di risolvere un problema già esistente dovremmo aggiungere ad una detersione delicata un trattamento specifico a seconda di ciò che si tratta:
Per la pelle sensibile e con couperose dobbiamo evitare ogni prodotto che possa sollecitare la pelle fisicamente o termicamente come esfolianti e creme stimolanti, preferendo, invece, creme a base di mirtillo, camomilla, alfabisabololo, semi di perilla. Nei casi più acuti bisogna rivolgersi a prodotti specifici per pelli intolleranti che siano  privi di conservanti e di profumi. Da preferire in inverno creme-balsamo che siano più ricche e nutrienti per ripristinare la barriera superficiale della pelle.
Nelle giornate più fredde in cui la couperose viene stimolata in maggior misura, è consigliabile, arrivati alla sera, l"utilizzo di maschere restitutive e lenitive.
Per le pelli secche è fondamentale scegliere un programma nutriente: detergenti oleosi, creme ricche, oli elasticizzanti, prodotti a base di Vitamina E, olio di Argan, burro di karitè,... insomma, prodotti che sostengano la scarsa produzione di sebo della pelle e la mantengano elastica e protetta, limitando le possibili conseguenze.
Sulle pelli impure in questa stagione si può agire in due modi diversi: se l"impurità è costituita unicamente da un"iperproduzione di sebo l"autunno è il momento ideale per fare trattamenti con acido glicolico o AHA esfolianti che vadano a rinnovare la superficie della pelle, combinandoli con fluidi sebo-riequilibranti.
Se oltre ad avere seborrea, si presentano anche pustole infiammate, è importante prestare attenzione particolare a questo aspetto dando priorità ad un siero/fluido lenitivo che calmi l"infiammazione, combinandolo ad un prodotto di detersione con proprietà opacizzanti ed una crema idratante, offrendo così alla pelle un ambiente ottimale per ritrovare il suo equilibrio.
Per quanto riguarda i trattamenti anti-age l"autunno e l"inverno sono le stagioni ideali per seguire programmi intensivi. La minore esposizione al sole permette l"applicazione serale di retinolo, acido glicolico, e AHA che avendo proprietà rinnovatrici ed esfolianti profonde conferiscono alla pelle un aspetto più luminoso, schiariscono le macchie, tolgono profondità alle rughe e migliorano la compattezza della cute.

Tutto ciò è valido per il viso ma, ritornando anche alle mani, che sono quotidianamente in prima linea, dobbiamo considerare altrettante attenzioni: una scelta accurata di un detergente non aggressivo, l"utilizzo quotidiano ripetuto di creme nutrienti e protettive e quando il freddo si fa più intenso l"applicazione di creme barriera.

È importantissimo affrontare la stagione fredda preparati, proteggendo la pelle dalle aggressioni, scegliendo i prodotti più adeguati, e nel caso in cui rimanga qualche dubbio, affidarsi ad un esperto che ci sappia consigliare.

 
    

fb

sondaggio

Iscriviti alla nostra Newsletter