Via Vittorio Emanuele,107 - Bordighera (IM)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

P.I.: 01354050088

eventi 250

PROMOZIONI

REPARTI

servizi

Nuovo servizio

Paga anche così

 

 

 

 

 

L"idratazione della pelle: perchè è importante?

E" Primavera, e come spesso si dice, tutto rinasce e trova nuova vitalità. E" una stagione molto importante per la pelle in quanto viene da un periodo in cui i fattori climatici, il passaggio da freddo intenso ad ambienti riscaldati, l"inquinamento e gli abusi alimentari l"hanno messa a dura prova.
La conseguenza naturale di questo è la sua disidratazione con conseguente screpolatura e irritazione. In caso di pelli sensibili possono verificarsi rottura di capillari, prurito e rossore localizzato.
Inoltre il contatto con indumenti particolarmente caldi non le permette di respirare adeguatamente e quindi, a causa di una cattiva ossigenazione e alla mancanza di una naturale esposizione al calore dei raggi solari, ci troviamo in presenza di pelle grigia, spenta.
Il freddo rallenta la produzione del normale strato protettivo della pelle che quindi si è indebolita e assottigliata.
A primavera quindi la pelle può e deve ritrovare il suo slancio vitale per affrontare al meglio i periodi più caldi e a questo scopo risulta estremamente importante una corretta idratazione.
Ma perchè l"idratazione della pelle risulta così importante? Vediamo di chiarire alcuni concetti.

Meccanismo d"idratazione
L"acqua è un elemento indispensabile per il benessere della pelle. Essa segue un percorso ben definito all"interno dei diversi strati cutanei: circola attraverso il sangue fino al derma, poi si diffonde dal derma fino agli strati superiori dell"epidermide per preservare l"idratazione cutanea.
L"idratazione naturale della pelle è il risultato di 3 meccanismi biologici con funzioni specifiche.
L"acqua si diffonde regolarmente e continuamente dal derma verso la superficie della pelle.
A livello del derma, l"acqua viene catturata dall"organismo grazie a dei polimeri, i glicosaminoglicani (GAGs).
Questi polimeri fissano grandi quantità d"acqua a livello della matrice extracellulare.
L"acqua è poi trattenuta nelle cellule dell"epidermide grazie al "Fattore Naturale d"Idratazione", costituito da sostanze presenti nei corneociti, cellule dello strato corneo. Grazie a queste sostanze che fissano l"idratazione, la pelle è in grado di fissare l"acqua nell"epidermide e di conservare il livello d"idratazione necessario al suo buon funzionamento. Tali sostanze agiscono come spugne per attirare l"acqua e trattenerla all"interno dei corneociti.
Infine a livello dello strato corneo, l"acqua evapora: è ciò che viene chiamato "Perspiratio Insensibilis", ovvero perdita d"acqua (è evaporazione costante ed impercettibile di acqua a livello dello strato esterno della pelle). In superficie, una regolazione di questa evaporazione ha luogo grazie ai lipidi (grassi) che cementano i corneociti e formano con essi la barriera di permeabilità della pelle (film idrolipidico).

Perché idratare la pelle?
L"idratazione della pelle è determinata dall"acqua transepidermica e dal sudore (Perspiratio Insensibilis e Perspiratio Sensibilis). Ma vari fattori possono aumentare la carenza d"idratazione: invecchiamento, ambiente, inquinamento, fumo, esposizioni ripetute al sole; tutti fattori che alterano quotidianamente la pelle e il meccanismo d"idratazione attraverso:

Deficit del film idrolipidico (l"acqua fuoriesce più facilmente)

Lo strato corneo, prima barriera protettiva della pelle, assume funzioni essenziali, che dipendono dalla corretta attività dei cheratinociti, e dalla buona qualità del cemento intercellulare che tiene unite le cellule tra loro in superficie. Quando è indebolita, la barriera cutanea si rompe e la pelle diventa più vulnerabile alle aggressioni esterne. Questo danneggia direttamente i cheratinociti che producono i lipidi a livello dell"epidermide, ma anche i fibroblasti che sintetizzano i GAGs a livello del derma. Risultato: il film idrolipidico è deficitario, le cellule dell"epidermide si disorganizzano, la barriera cutanea si indebolisce. La perdita insensibile di acqua aumenta e la pelle si disidrata.
   Una carenza del Fattore Naturale d"idratazione
Sotto l"effetto delle aggressioni esterne, il meccanismo naturale d"idratazione può alterarsi, la pelle perde più acqua di quanta ne catturi e l"attività delle cellule della pelle rallenta. L"epidermide non riesce più a trattenere l"acqua. Per far fronte a questi squilibri, è necessario rinforzare il meccanismo biologico d"idratazione attraverso un"idratazione quotidiana della pelle volta a:
-Attirare l"acqua nell"epidermide
-Trattenerla agendo sul Fattore Naturale d"idratazione.
-Impedirne l"evaporazione eccessiva

Pelle secca o disidratata?
La disidratazione interessa tutti i tipi di pelle e, benché la pelle secca vi sia più soggetta a causa della mancanza di lipidi (elementi grassi che idratano i tessuti e trattengono l"acqua), anche una pelle grassa può disidratarsi.
   Cos"è una pelle disidratata?
Si parla di pelle disidratata quando il livello d"idratazione è al di sotto della soglia minima (10%). Una pelle disidratata è carente d"acqua, tira e presenta sottili strie di disidratazione. Il colorito può apparire grigiastro.
La disidratazione potrebbe essere una condizione temporanea: per aiutare la naturale idratazione cutanea si consiglia di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Una volta ristabilito l"equilibrio, la pelle ritrova elasticità e un livello d"idratazione normale.
   Cos"è una pelle secca?
Una pelle secca presenta piccole rughe, sensazioni di "pelle che tira", mancanza di elasticità e sensazioni di disagio. È più fragile e più sensibile. A differenza di una pelle disidratata, una pelle secca è maggiormente carente di lipidi. È quindi necessario reidratare gli strati superiori dell"epidermide ma anche reintegrare la carenza di lipidi indispensabili per trattenere l"acqua nello strato corneo.
Esistono due tipi di pelle secca:
- Pelle secca con reale e grave mancanza d"acqua e di lipidi, che richiede trattamenti idratanti
specifici per pelle molto secca e a tendenza atopica.
- Pelle secca ruvida in cui è necessario ripristinare l"idratazione. Secerne meno sebo, è rugosa e può desquamarsi.

Come idratare meglio la pelle?
   Semplici gesti quotidiani da rispettare
Per idratare la pelle ed evitare che diventi secca, è opportuno:
- Non utilizzare saponi troppo aggressivi e limitare l"uso di acqua calda.
- Evitare di strofinare la pelle con l"asciugamano ma piuttosto tamponarla.
- Applicare tutti i giorni una crema idratante.
- Infine, per avere una bella pelle, si consiglia di bere regolarmente per apportare quotidianamente l"acqua necessaria all"organismo.
   Ad ogni pelle l"idratazione adatta
L"idratazione deve essere adattata al proprio tipo di pelle e i trattamenti sono diversi per la pelle grassa o secca.
Per la pelle mista e grassa, naturalmente ricca di sebo, sono preferibili texture leggere e fluide che si assorbono rapidamente.
Per la pelle più secca, il cui film idrolipidico è spesso deficitario, si utilizzeranno texture più ricche.

Per un consiglio serio e professionale
chiedi al tuo Farmacista
Saprà sempre consigliarti per il meglio

 
    

fb

sondaggio

Iscriviti alla nostra Newsletter