Via Vittorio Emanuele,107 - Bordighera (IM)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

P.I.: 01354050088

eventi 250

PROMOZIONI

REPARTI

servizi

Nuovo servizio

Paga anche così

Sole amico-nemico: impariamo a conoscerlo e a difenderci

    
 

Com"è formata la pelle
La pelle è formata dai seguenti tre strati: lo strato più superficiale (l’epidermide), lo strato intermedio (il derma) e quello più profondo (il tessuto sottocutaneo o grasso).
L"epidermide è a sua volta formata da file di cellule; la cellula principale nell"epidermide è il cheratinocita oStruttura della pelle cellula epiteliale.
Tra i cheratinociti, nello strato più basso dell"epidermide, sono situati i melanociti, che hanno il compito di produrre melanina ,pigmento naturale presente anche nei capelli e in alcune parti dell"occhio,che protegge dagli effetti dannosi dei raggi solari. In condizioni normali i melanociti possono dar luogo ad agglomerati scuri visibili sulla superficie della pelle e noti come nei (nevi è il termine medico).

La pelle e il sole
La pelle è esposta alle radiazioni solari tutto l’anno e soprattutto nella stagione estiva. Una piccola percentuale di queste radiazioni viene riflessa dallo strato corneo mentre il resto viene assorbito dalla cute.
La pelle si difende sostanzialmente con due meccanismi: l’iperpigmentazione (abbronzatura) e l’ iperplasia epidermica (ispessimento dello strato superficiale).
Raggi UVB e UVARadiazioni con diverse lunghezza d’onda penetrano in modo diverso nella cute: la massima azione dei raggi UVB è limitata all’epidermide mentre gli UVA sono in grado di penetrare nel derma.
I danni che ne derivano sono prevalentemente mutazioni a carico del nucleo dei cheratinociti per quanto riguarda gli UVB e degenerazione delle fibre elastiche del derma per quanto riguarda gli UVA.
Questi effetti ripetuti nel tempo sono responsabili della fotocarcinogenesi e del fotoinvecchiamento.
Subito dopo l’esposizione al sole si possono inoltre manifestare dei danni acuti come eritemi, ustioni, reazioni fototossiche a farmaci.
I raggi solari hanno anche degli effetti benefici: stimolano la produzione di vitamina D, sono efficaci nel trattamento di alcune malattie dermatologiche (psoriasi, eczema, dermatite atopica, vitiligine) e in molte persone contribuiscono a migliorare il tono dell’umore.

Quando proteggersi dal sole?
In linea generale ci si cautela dalle radiazioni solari soprattutto in estate. La nostra pelle però assorbe le radiazioni tutto l’anno (seppure solo in alcune zone del corpo) e ha una “memoria” per cui ogni eccesso, bruciatura o imprudenza viene sempre registrato. È l’accumulo di questi errori nel tempo, in realtà, a causare i danni maggiori. Se quindi per alcuni decenni l’abbronzatura ha rappresentato uno status symbol da raggiungere ad ogni costo, oggi l’attenzione è rivolta soprattutto alla prevenzione. Sappiamo infatti che, se gestito con la dovuta cautela, il sole può essere addirittura terapeutico. Vale comunque la regola d’oro di evitare qualsiasi eccesso.

Ai fini di un"esposizione ragionata è necessario conoscere il proprio fototipo, cioè le caratteristiche della propria pelle e adattare tempi e modi dell"esposizione alle condizioni ambientali.

I fototipi sono 6:

FOTOTIPO 1 = capelli rossi, pelle lattescente
FOTOTIPO 2 = capelli dorati, pelle chiara
FOTOTIPO 3 = capelli biondi, pelle chiara
FOTOTIPO 4 = capelli castani, pelle chiara
FOTOTIPO 5 = capelli castani, pelle scura
FOTOTIPO 6 = capelli scuri, pelle olivastra

fototipi 

Questa suddivisione è naturalmente molto schematica, perché c"è tutta una gamma di tipi intermedi a questi, ma ci consente di avere un"idea di quello che può essere il nostro fototipo e di proteggerci adeguatamente dai raggi del sole, tenendo presente che il fototipo 1 è il più vulnerabile e avrà bisogno di protezioni altissime, che potranno essere via via più basse andando verso il fototipo 6.

Sole e ossa
Alle ossa il sole fa senz’altro bene, e non solo a quelle dei bambini e degli adolescenti, che divengono più resistenti, ma anche a quelle degli anziani in cui l’esposizione al sole contrasta la perdita di calcio e l’ osteoporosi (specie nelle donne). Anche coloro che soffrono di artrosi e di reumatismi possono beneficiare del sole perché le esposizioni e il calore contribuiscono a diminuire i dolori.

Preparare la pelle al sole:
Il primo elemento da tener presente è l"alimentazione. E" consigliabile inserire nella propria dieta quotidiana cibi come pomodori, carote, cetrioli, meloni, angurie, albicocche e pesche. Questi alimenti sono infatti ricchi di betacarotene, sostanza affine alla melanina e in grado di costituire uno scudo contro gli effetti nocivi dei raggi del sole. Grazie alla sua tonalità arancione-brunastra, il betacarotene dona toni ambrati all"abbronzatura.Oltre al betacarotene, questi cibi contengono notevoli quantità di vitamine A, C ed E, che producono un effetto antiossidante, proteggendo la cute dalla disidratazione e dall"invecchiamento.

Prepararsi al sole

Per preparare la pelle al sole, risulta inoltre di grande aiuto "allenare" la produzione di melanina, che costituisce la barriera naturale più efficace per proteggersi dai raggi. L"epidermide dovrebbe essere esposta alla luce quotidianamente. Si dovrebbe quindi prendere un po" di sole anche quando si è in città.

Il sole deve naturalmente essere preso con gradualità
E" consigliabile iniziare con dieci minuti il primo giorno, mezz"ora il secondo, aumentando la durata dell"esposizione di giorno in giorno, senza mai eccedere. Occorre poi evitare di prendere il sole nelle ore centrali della giornata. I momenti migliori sono la mattina fino alle 11.00 e il pomeriggio a partire dalle 15.30.

Da non dimenticare di applicare adeguati prodotti protettivi, da scegliere in base alla propria tipologia di pelle. In montagna e ai tropici la protezione deve essere maggiore. La quantità di radiazioni Uv dipende infatti dall"altezza del sole rispetto all"orizzonte. Per una corretta protezione occorre applicare la crema ogni due o tre ore, ricordando di scegliere un prodotto che sia resistente all"acqua. Per reidratare la cute e riequilibrare il film idrolipidico è infine fondamentale applicare prodotti doposole che garantiscono anche un effetto lenitivo, capace di calmare eventuali arrossamenti.
Questi accorgimenti sono di notevole importanza perché permettono di ottenere un"abbronzatura omogenea e di lunga durata, evitando scottature ed eritemi, molto pericolosi per la salute della pelle.

Come proteggere i bambini:
La pelle di un bambino e" diversa, e" morbida, sensibile e vulnerabile. Le irritazioni si sviluppano facilmente, con una crema lenitiva scompaiono come per magia. La pelle giovane infatti guarisce piu" velocemente della pelle piu" vecchia, ma e" meno capace di proteggersi dalle ferite, incluse quelle provocate dal sole. Anche la piccola quantità di protezione data dalla melanina, che la natura ha fornito alla pelle, non e" completamente presente alla nascita e ci vogliono anni prima che lo sviluppo della protezione si completi. Nel frattempo, la pelle del bambino e" piu" soggetta alle scottature solari e ad altri danni.
Le scottature, si sa, provocano dolore, e possono essere molto pericolose nei lattanti e nei bambini, la loro epidermide rappresenta una percentuale della massa totale del corpo piu" alta che nell’adulto, cosi" che avranno un grande impatto sul resto dell’organismo. Una brutta scottatura causa disidratazione, febbre, svenimenti, shock, pressione sanguigna pericolosamente bassa, e battito cardiaco irregolare.

DALLA "SKIN CANCER FOUNDATION" DIECI CONSIGLI PER PROTEGGERE DAL SOLE IL TUO BAMBINO

  • Tenete i lattanti e i bambini piccoli al riparo dal sole quanto piu" e" possibile durante il primo anno della loro vita; Una brutta scottatura in un bambino piccolo puo" essere molto seria.

  • Controllate l’orario. I raggi solari sono piu" intensi tra le 10 a.m. e le 2 p.m. (11 a.m e le 3 p.m. con orario legale).

  • Coprite il bambino ad alto rischio (carnagione chiara con capelli biondi rossi e occhi chiari) con un cappello, maglietta a maniche lunghe e pantaloni lunghi. Usate tessuti a trama stretta e doppio strato quando e" possibile. Per i neonati, una carrozzina con una tettoia e" preferibile a un passeggino aperto. Con un bambino piu" grande usate un passeggino con tettoia o con un ombrellino.

  • Usate un filtro solare. Le sostanze che filtrano i raggi solari che provocano danni sono un elemento importante nel programma di protezione. Piu" alto e" il fattore di protezione, maggiore e" la garanzia offerta.

  • Fate attenzione alle luci riflesse; molte superfici - sabbia, cemento, neve - possono riflettere radiazioni nocive. Anche il sedersi all’ombra o sotto l’ombrellone non garantisce protezione. Fate attenzione alle giornate nuvolose, quando fino all’80% delle radiazioni solari raggiunge la terra.

  • Fate attenzione specialmente a certe altitudini e latitudini. Dai 300 metri sul livello del mare in su, la radiazione aumenta del 4 o 5%. E quanto piu" vicini si e" all’equatore, tanto piu" forti sono i raggi solari.

  • Evitate l’abbronzatura artificiale compresi i lettini solari, le lampade, i riflettori. Le radiazioni emesse da queste sorgenti luminose, sia raggi ultravioletti A che B, possono essere pericolose e il motto che esse "sono piu" sicure del sole" e" falso. L’uso di pillole abbronzanti non e" raccomandato a causa degli effetti collaterali tossici che sono stati attribuiti ad alcuni dei loro ingredienti.

  • Non mescolare il sole con alcuni farmaci. La fotosensibilità, caratterizzata da esantemi, arrossamento e/o gonfiore, può essere l’effetto collaterale di alcuni farmaci. Consultate il vostro medico o il farmacista

  • Esaminate la pelle del vostro bambino regolarmente, come la vostra. Cercate ogni escrescenza che sia comparsa, macchie che danno prurito, lividi, cambiamenti dei nei o macchie cutanee. Il cancro della pelle e" estremamente raro nei bambini e poco comune negli adolescenti. Tuttavia, la preoccupazione e la cura per la salute della pelle deve essere appresa fin dall’infanzia.

  • Date esempio al vostro bambino. I principi qui sottolineati devono essere applicati a persone di tutte le eta". Usate queste semplici misure per proteggere la vostra pelle e sicuramente il vostro bambino adotterà più facilmente l’abitudine di proteggere la sua pelle dal sole.

Buona estate e buon sole a tutti!!

 
    

Eventi in Farmacia

fb

sondaggio

Iscriviti alla nostra Newsletter