Via Vittorio Emanuele,107 - Bordighera (IM)

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

P.I.: 01354050088

eventi 250

PROMOZIONI

REPARTI

servizi

Nuovo servizio

Paga anche così

    
 

In realtà la caduta dei capelli è un problema da non sottovalutare in quanto rischia, se trascurato, di causare disagi e di essere difficile da risolvere se non si trova un rimedio adeguato.
Il capello ha un ciclo di vita di tre mesi durante i quali nasce (fase anagen), cresce (fase catagen) e poi muore (fase telogen) e in una situazione normale dovrebbero cadere dai 30.000 a 100.000 capelli in media al giorno che però non procurerebbero danni in quanto immediatamente soppiantati da nuovi capelli.
La caduta stagionale dei capelli si ha soprattutto nei periodi aprile-maggio e settembre-novembre a causa del fatto che subentrano nuovi orari e l"intero corpo si sincronizza sulle ore di luce/buio definendo a livello ormonale uno squilibrio che si manifesta con la caduta dei capelli; in questo caso si può pensare di minimizzare il problema ricorrendo a cure d"urto da effettuarsi in questo periodi dell"anno per rinforzare il cuoio capelluto.
A far cadere i capelli è anche lo stress dovuto a condizioni personali o lavorative difficili per cui in questo caso è bene prevedere un trattamento d"urto che agisce sull"effetto (la caduta dei capelli) ma anche un trattamento euilibratore dello stato psico-fisico che agisce sulla causa (lo stress).
Se a causare la caduta dei capelli è l"assunzione di farmaci è bene utilizzare dei prodotti nutrienti e rinforzanti da applicare sia a livello locale che da assumere sotto forma di compresse o gocce.
Anche l"alimentazione viene incontro nel prevenire e curare la caduta dei capelli per cui per favorire la crescita dei capelli è bene assumere uova, latticini, frutta secca, latticini, fegato, legumi, frutti di mare, vegetali verdi, latticini e molluschi mentre per mantenere sani i capelli si consiglia l"assunzione di cibi contenenti vitamina A, vitamina B e vitamina C.
Esistono anche casi più gravi di caduta di capelli non legati alle stagioni e identificati con il nome di alopecia androgenetica che richiedono però una trattazione a parte.

Ciclo vitale dei capelli

La caduta dei capelli è assolutamente normale in quanto sono soggetti ad un continuo ricambio. Normalmente, il capello cade quando il follicolo ha già prodotto un nuovo capello pronto a sostituirlo. Il ciclo vitale del capello è composto da 3 fasi:

  • Anagen (fase di crescita) : si forma una nuova matrice del capello che si riporta nel derma in modo che il nuovo capello, sviluppandosi, allontani quello vecchio

  • Catagen (fase di maturità) : il capello cresce lungo il canale follicolare

  • Telogen (fase di riposo con successiva caduta) : il capello emigra verso la superficie

Le tre fasi non sono sincrone per tutti i capelli, per cui sono presenti contemporaneamente capelli nelle varie fasi.

La caduta dei capelli è favorita da traumi meccanici ed è proprio per questo motivo che la maggior parte della caduta dei capelli avviene durante il lavaggio e la spazzolatura. Una caduta di 10-20 capelli al giorno può essere considerata normale, se, invece, il quantitativo fosse superiore, è sempre consigliabile sottoporsi ad analisi specialistica. Naturalmente, per non andare incontro a calvizie, è necessario che tutti i capelli che cadono siano sostituiti. Affinché sia visibile un diradamento, è sufficiente che la caduta riguardi il 50% dei capelli presenti nella zona colpita; per questa ragione ci teniamo a ricordare che, seppur sembri impossibile, troppe persone rischiano la calvizie, quando potrebbero semplicemente intervenire in tempo.

Caduta di capelli stagionale

Nelle stagioni di transizione (autunno-primavera) la perdita di capelli spesso aumenta. Nei periodi aprile-maggio e settembre-novembre alcuni ormoni, condizionati soprattutto dalle ore di luce, attivano un processo sincronizzato di caduta dei capelli. Si tratta di un fatto fisiologico, che non è causa di alopecia definitiva, né di eventuale diradamento, a patto che un corretto ricambio con nuovi capelli mantenga l"equilibrio della formula pilare normale, e che la caduta dei capelli non permanga per troppo tempo, trasformandosi in vera e propria perdita di capelli.

Fattori che favoriscono la caduta dei capelli

La caduta dei capelli "in riposo" è una malattia frequente e, generalmente, potrebbe essere di breve durata: 3-6 mesi. A volte, però, il problema si ripresenta periodicamente ed in alcune persone la caduta dei capelli può avere un andamento cronico e protrarsi anche per molti anni. I capelli che cadono presentano un piccolo rigonfiamento bianco all"estremità, visibile ad occhio nudo, che corrisponde alla radice in riposo.

La caduta dei capelli può avere molte cause e diviene evidente circa 3 mesi dopo il fattore scatenante. Scientificamente, consiste nella caduta diffusa di capelli dovuta al passaggio di un elevato numero di follicoli dalla fase Anagen di crescita, a quella Telogen di riposo. Clinicamente, la caduta dei capelli provoca un diradamento diffuso, talvolta più marcato nelle regioni fronto-temporali e del vertice.

Come si diceva, la caduta dei capelli avviene almeno 2-3 mesi dopo il fattore scatenante e proprio per questo, quando si nota una caduta di capelli aumentata, la possibile causa non va ricercata nei giorni immediatamente precedenti, ma 2-3 mesi prima dell"inizio della caduta. Le cause più frequenti della caduta dei capelli sono:

  • raggi ultravioletti

  • fumo

  • stress

  • febbre elevata

  • diete dimagranti

  • anemia

  • interventi chirurgici

  • post-partum

  • malattie gravi

  • farmaci

Il sole e le lampade abbronzanti provocano la caduta dei capelli, in particolare, il sole è fra le più frequenti cause delle gravi cadute autunnali di capelli. Durante l"estate è pertanto sempre consigliato proteggere dal sole il cuoio capelluto, soprattutto se i capelli sono già un po" diradati.

Anche il fumo può danneggiare i capelli. Vi sono studi che stanno dimostrando che persino il fumo passivo potrebbe provocare un aumento della caduta dei capelli.

Lo stress è una delle cause più frequenti di caduta di capelli cronica. Il problema è poi aggravato dal fatto che molti farmaci ansiolitici e antidepressivi annoverano tra gli effetti collaterali un"aumentata caduta dei capelli.

Ogni dieta, anche la più equilibrata, può provocare insieme al dimagrimento, un aumento della caduta di capelli. Come l"anemia e la carenza di ferro sono frequenti cause di aumentata caduta dei capelli, soprattutto nella donna.

Per quanto concerne il post-partum, durante la gravidanza i capelli cadono meno del normale, ma 2-3 mesi dopo il parto avverrà la caduta di tutti quei capelli che non erano caduti durante la gravidanza perchè infatti gli ormoni estrogeni, durante la gravidanza, prolungano la fase di crescita del follicolo e ritardano la caduta del capello.

Molti farmaci provocano come effetto collaterale una caduta di capelli. Anche alla sospensione della pillola anticoncezionale può far seguito una caduta dei capelli assimilabile a quella che si osserva nel post-partum.

 

 
    

fb

sondaggio

Iscriviti alla nostra Newsletter